domenica 31 luglio 2016

Tutte le domande e le risposte sulla PASTA DI ZUCCHERO


Chi si è avvicinato almeno una volta alla pasta di zucchero sa che il suo utilizzo e tutt'altro che semplice e che spesso operazioni che a prima vista sembrerebbero semplicissime potrebbero compromettere ore di lavoro.

Per questo motivo abbiamo deciso di scrivere un post in cui riportare tutte le "Domande e Risposte" più frequenti che riguardano la pdz, conoscenze frutto dell'esperienza e soluzioni da noi sempre utilizzate.

Partiamo subito:

1. Cosa è la Pasta di zucchero?

La Pasta di zucchero, che troverete anche come "pdz", è un composto a base di zucchero che ha una consistenza morbida e malleabile, un po' come la plastilina. Questa la si può realizzare anche in casa, ma è già presente in commercio in tutte le sue varianti colorate.

2. Per cosa si usa la pdz?

Si usa principalmente per decorare torte, cupcakes o biscotti in diversi modi, ricoprendoli con le forme che si preferiscono; viene inoltre usata per creare personaggi tridimensionali.

3. Come si conserva la pdz?

In bustine di plastica e in un luogo fresco e asciutto; la pdz fatta in casa di può conservare fino a 6 mesi, mentre per quella già confezionato ci si riferisce alla scadenza nella confezione.

4. Si può riutilizzare la pdz?

Se tenuta bene assolutamente sì, bisogna però fare attenzione a dei particolari; se precedentemente è stata stesa diverse volte la pdz avrà perso la sua elasticità, e quindi sarà inutilizzabile.

5. Con cosa si lavora la pasta di zucchero?

Quando si utilizza la pdz è indispensabile usare lo zucchero a velo per combattere la natura appiccicosa della pasta; attenzione però a non usarne in quantità eccessive perchè rischiereste di seccarla troppo.

6. Come si stende la pasta di zucchero?

Prima di tutto è necessario un piano molto ampio, preferibilmente in metallo; spargete un po' di zucchero a velo nel piano, poggiateci sopra la pdz ed iniziate a stenderla con un mattarello liscio (si sconsiglia quello in legno).


7. Quanto deve essere spessa la pdz per ricoprire una torta?

3/4 mm, ma ovviamente anche questo dipende dalle dimensioni della torta; se si tratta di una multistrato con base molto larga sarà necessario aumentare lo spessore.

8. Cosa è meglio usare per glassare la torta da ricoprire in pdz?

Generalmente si usa la crema al burro, ma molti preferiscono usare la panna montata vegetale che risulta meno umida rispetto a quella animale.

9. Come si ricopre una torta con la pasta di zucchero?

Una volta glassata la base della nostra torta ed aver steso la pdz, prendiamo quest'ultima con due mani assicurandoci che i lati siano abbastanza larghi da andare oltre la torta; con l'aiuto della mani facciamo aderire bene la pdz partendo dall'alto spingendo verso i lati.
Una volta unita la pdz alla torta prendiamo la spatola e allisciamo bene i lati della nostra torta, dopodiché rimuoviamo con l'aiuto di un taglierino la pdz in eccesso.

10. Dove conservo la torta una volta ricoperta?

In frigo, in modo tale che la pdz e la glassa si induriscano.

11. Come si fanno i personaggi in 3d di pdz?

Creare un personaggio in 3d con la pasta di zucchero è molto complicato, ma soprattutto ci vuole molta pazienza. Fate un prova scegliendo un personaggio da realizzare e individuando una foto a cui ispirarvi; utilizzate le mani e gli strumenti per la pdz, ma siate sempre molto delicati e fate attenzione e tenere separati i diversi colori della pdz.

12. I bordi inferiori della mia torta ricoperta di pdz sono imperfetti: come li ricopro?

Usate un nastro colorato o con fantasie a vostro piacimento; coprirà l'errore e darà un tocco di eleganza alla vostra torta.

13. Come realizzo una torta a più piani?

È necessario prima di tutto realizzare le basi delle torte già ricoperte con la pdz; infilate nella base della torta dei bastoncini (3 o 4) che taglierete nella cima della stessa, al limite con la copertura in pdz; ponete sopra il secondo piano della torta che avrà però una base rigida che poggerà sui
bastoncini. Procedete allo stesso modo per gli altri piani.


14. Come attacco i personaggi in 3d alla torta?

Utilizzate dei bastoncini lunghi, con cui manterrete anche il personaggio, ed infiliteli col personaggio attaccato all'interno della torta nel punto in cui più preferite.

15. In che ambiente è preferibile lavorare la pdz?

Un un luogo fresco e asciutto; la pdz, essendo un composto a base di zucchero, tende infatti a sciogliersi col caldo e questo vi renderà impossibile la sua lavorazione.

16. Perchè la mia torta ha un cattivo odore?

Probabilmente l'hai tenuta in frigo insieme ad altri alimenti e la torta ha assorbito qualche odore. È preferibile chiuderla con dei fogli di cellofan prima di riporla in frigo.

17. Ho macchiato la pdz, come posso risolvere l'errore?

Puoi creare una pasta formata da pezzi di pdz e qualche goccia d'acqua, ma secondo la nostra esperienza non è mai una buona soluzione. L'ideale è cercare di coprire la parte con qualche personaggio o applicazione.

18. La pdz, una volta asciugata, si rompe?

Dipende dal suo spessore; i personaggi in 3d, una volta asciugati, risultano abbastanza resistenti, i petali dei fiori sono sicuramente più delicati.

19. Perchè la pdz risulta umida e molle?

Evidentemente state lavorando in un ambiente troppo caldo; la pdz, essendo formata essenzialmente da zucchero, al caldo tende a sciogliersi.


20. Come posso lucidare la pdz?

Con qualche goccia d'acqua o olio di semi ed un pennellino oppure con del vapore. Di fatto noi sconsigliamo questo procedimento perchè la pdz sarà lucida, ma anche molto appiccicosa.

21. Come si colora la pdz?

In commercio è già presente la pdz colorata, ma nel caso voleste colorarla voi è necessario usare i colori alimentari in gel regolandovi in base all'intensità voluta.

22. Con cosa si fanno le sfumature colorate?

Con l'aiuto di un pennellino e dei colori alimentari in polvere; unita qualche goccia di alcool puro o superalcolico al colorante in polvere per passarlo sulla pdz.


23. Come trasporto la mia torta?

Partiamo dal presupposto che bisogna pensare all'inscatolamento e al trasporto prima della realizzazione della torta; in ogni caso in commercio sono presenti diversi tipi di scatole in varie misure con cui potrete trasportare agevolmente la vostra torta.

24. Perchè sono presenti delle bolle d'aria nella pdz?

Evidentemente durante la stesura siete stati poco delicati e la pdz ha incorporato troppa aria; con l'aiuto di un ago eliminate le bolle e usate il mattarello per eliminare le imperfezioni.

25. Cosa devo preparare prima di iniziare a lavorare la pdz?

Preparate da una parte tutti gli utensili, tenete lo zucchero a velo sempre a portata di mano e fate ben attenzione a dividere la pdz per colore. Quando lavorate la pdz state attenti a tenere il piano di lavoro sempre pulito in modo tale da non sporcare la pdz che andrete ad utilizzare.

26. La pasta di zucchero contiene glutine?

Dipende dalla marca che prendete o dagli ingredienti che utilizzare per prepararla in casa (esiste in commercio lo zucchero a velo senza glutine). Di fatto dovete contare che è molto difficile realizzare una torta in pdz senza glutine, quindi preoccupatevi di lavare bene tutti gli utensili prima di utilizzarli.

27. Cos'è la cake board?

È una base rigida e spessa che viene utilizzata come base indispensabile per le torte in pdz.

28. Perchè sulla mia torta in pdz è presente della polvere?

La pdz, essendo formata essenzialmente da zucchero, tende ad essere appiccicosa e quindi ad attirare la polvere presente nell'aria; per questo motivo si raccomanda di tenere la pdz al chiuso e lontana dall'esterno.

29. Non sono bravo a realizzare i peronaggi in 3d in pdz, come posso risolvere?

In commercio esistono centinaia di formine di diverse forme e dimensioni che potranno aiutarvi a decorare in maniera comunque eccellenze la vostra torta in pdz.

30. Raccomandazioni generali sulla realizzazione di una torta in pdz?

Realizzare una torta in pdz è un lavoro lungo e faticoso, per questo la prima regola per la realizzazione di una torta in pdz è avere pazienza; le torte in pdz sono infatti delle sculture in miniatura e richiedono molta attenzione e precisione. Non abbiate fretta, tenete utensili e piano di lavoro sempre puliti e state attenti a lavorare in un ambiente fresco e pulito, il risultato finale sarà sicuramente un successo.



Per qualsiasi dubbio e domanda sulla pdz ed il suo utilizzo scrivete un commento qua sotto e vi risponderemo il prima possibile!

Nessun commento:

Posta un commento